L’abbigliamento MEDSTAN è ottenuto con l’utilizzo di un filamento altamente tecnologico costituito dall’unione di vari componenti (argento, rame, carbonio, titanio) che conferiscono al prodotto caratteristiche biofisiche particolari già testate in altri lavori e con metodi diversi.
Tale tessuto permette di “schermare” i campi magnetici che ci circondano, mantenendo il corpo umano in una sorta di gabbia di Faraday e
consentendogli, quindi, di lavorare in modo indisturbato da un punto di vista elettromagnetico. Ne consegue una migliore funzione contenitiva, protettiva e soprattutto un valido recupero della fatica e del dolore dovuta allo stress agonistico.

La variazione dei valori di potenza, espressa dagli atleti durante il test effettuato
con e senza abbigliamento tecnico antistatico MEDSTAN, è risultata favorevole
in 8 casi su 10, con percentuali, rispetto alla potenza espressa che si attesta tra
il 2.32% ed il 21.81% (media 6.53%).

Gli atleti finora coinvolti nello studio sono tutti agonisti in fase di preparazione e quindi con un buon grado di allenamento; proprio per questo, un incremento di potenza, come quello registrato con l’utilizzo di abbigliamento antistatico MEDSTAN, risulterebbe estremamente redditizio nell’ottica di una prestazione agonistica “reale”.
Dr. V. Santuccione
Prof. C. De Martinis
Dott.ssa R. Di Filippo
Dott.ssa S. Santuccione


L’analisi oggetto di questa relazione rileva lo studio digitalizzato del piede attraverso la pedana baropodometrica in assenza ed in presenza di abbigliamento Medstan, con specifico riferimento alla calza elastica Medstan in stazione statica. Lo studio è stato effettuato su un campione di 38 soggetti di ambo i sessi ed età compresa tra i 20 ed i 60 anni, non affetti da malattie congenite o da malattie in fase acuta ma che presentano al momento della realizzazione del test solo problemi posturali e/o dolori articolari e dell’apparato muscolo scheletrico.

Il test viene eseguito in tre fasi:
1. Fase I: Esame baropodometrico in assenza di calza Medstan
2. Fase II: Vestire la calza elastica Medstan
3. Fase III: Esame baropodometrico in presenza di calza Medstan

Nello specifico, 25 dei 33 soggetti presentano importanti miglioramenti nell’appoggio plantare, come da manifesta impronta podalica migliorando anche il baricentro corporeo; Si è potuto ad esempio notare il passaggio da un piede piatto ad un piede normale o da un piede cavo ad un piede normale. I rimanenti 8 soggetti presentano un peggioramento nell’appoggio podalico: non presentano peggioramenti nella postura bensì si è constatato che, hanno eliminato un compenso posturale evidenziando il problema principale.
Dai risultati ottenuti sul campione analizzato, sembra evidente un effetto positivo nell’utilizzo della calza elastica MEDSTAN.
Alla luce di questi risultati ci sembra di dover consigliare l’uso di questi dispositivi.
Dott. G. Palmisano